mercoledì 24 maggio 2017

RECENSIONE "Claustrofobia" di ZOE BLAC

Ciao readers, oggi Angela vi parla di Claustrofobia, un noir erotico dalla penna dell'autrice self esordiente Zoe Blac pubblicato lo scorso Ottobre. In una magica Roma dei giorni nostri, tra una passione travolgente come lava e gioie, pianti, dolori e azioni eccellenti studiate nei minimi dettagli come solo un agente e una ladra sanno fare, Lucas Munroe ed Elettra Mantovani vi cattureranno il cuore e vi terranno col fiato sospeso fino all'ultima frase.

TITOLO: Claustrofobia
SERIE: autoconclusivo
AUTORE: Zoe Blac
DATA D’USCITA: 22 Ottobre 2016
EDITORE: self publishing
GENERE: erotico/noir
NARRAZIONE: pov femminile e maschile alternati in prima persona
AMBIENTAZIONE: Roma
CATEGORIA: seconde possibilità
FINALE: si cliffhanger
COPPIA: Elettra, giovane donna dalla tripla personalità; Lucas, agente speciale della NOCS.



SINOSSI

Chi è Elettra, chi si nasconde dietro le vesti succinte di Fraise e chi può dire quale volto abbia la ladra Scarlett?... Tre donne diverse che vivono nello stesso corpo, un corpo privo di anima ma creato per il peccato. Il romanzo è ambientato in una Roma attuale, sporca e piovosa. Sarà Lucas; giovane agente dei Nocs a risolvere un mistero che lo vedrà impegnato a combattere e proteggere la stessa donna in una personale e struggente battaglia dove il confine tra il lecito e l'illecito diventerà impalpabile. A causa di un fatale imprevisto due anime perse verranno unite al loro inimmaginabile destino in un luogo nascosto, buio, angusto e claustrofobico. Violenza, passione, mistero ed erotismo, sono questi gli ingredienti di una storia che nasce in una notte diversa da tutte le altre.
Claustrofobia è un racconto erotico, noir, graffiante ed eccessivo, si tratta di un opera di fantasia e come tale va interpretata, è consigliato ad un pubblico adulto, con un elevata capacità di discernimento ed una spiccata preferenza per le storie non banali. Nel romanzo vi sono descritti con un lessico esplicito, rapporti carnali, anche non consensuali e atti di efferata violenza.

RECENSIONE

“Quando di notte restavo da sola, i sogni si ostinavano a impigliarsi fra i miei desideri;
udivo nella mia testa la sua voce profonda,
che fendeva l'aria intorno a me.
Mi struggevo, pensando a quel modo così unico
e perfetto di incastrare le nostre anime,
seppure così diverse e distanti, i nostri colori si mescolavano, insieme eravamo caldo e freddo, acqua e fuoco, una dicotomia di forze contrastanti che si richiamavano.”

Ci troviamo nella magica Roma nei giorni nostri.
Il giovane agente della NOCS (Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza) Lucas Munroe, è impegnato in un’operazione complessa con l’obiettivo di cercare informazioni e stanare di conseguenza alcuni malavitosi. Ed è proprio durante una di queste operazioni speciali che Lucas s’introduce in una delle ville di Kiewsloskj, un mafioso russo senza scrupoli e incontra Scarlett, la famigerata ladra che ha compiuto numerosi furti e che nessuno è mai riuscito ad arrestare.
Tra loro accade subito qualcosa, entrambi provano una forte attrazione: Lucas ha due gemme blu, è alto, ha un fisico possente e ben allenato grazie al suo lavoro; Scarlett invece ha un corpo agile come quello di Catwoman e artigli pericolosi. Entrambi non hanno pelli sulla lingua e dicono la loro infischiandosene delle conseguenze.
Durante questo episodio Lucas ha un tempo preciso per ricavare le informazioni che gli servono, ma discutendo con Scarlett il suo tempo scade e per poco i due non vengono scoperti. Così si nascondono in un’intercapedine con l’aiuto dei compagni di Lucas che gli suggeriscono tutto attraverso un’auricolare.
In quello spazio buio e angusto Scarlett mostra una sua debolezza, non sopporta i spazi chiusi e Lucas per distrarla e farla pensare ad altro, inizia ad accarezzarla per tutto il corpo e da lì scoppia un’irrefrenabile passione. Lei non penserà più di essere in un luogo stretto e chiuso, ma si lascerà andare tra le braccia dell'aitante agente. In seguito i due riescono ad uscire e si separano.
Passano i giorni, Lucas torna alla sua vita da scapolo dedito al lavoro e a conquistare donne sempre diverse, ma da quando ha incontrato Scarlett non pensa che a lei.
Stessa cosa accade a Scarlett ovvero Elettra, questo è il suo verso nome. Lei non ha mostrato il suo volto a Lucas e lui non sa che è lei l’agile ladra e la sexy accompagnatrice Fraise che lavora per Nicolajev. Anche lei però è rimasta invaghita dal bell'agente, tanto che decide di cercare informazioni su di lui. Scopre dove abita e decide di andarlo a trovare.
Iniziano così i loro incontri fatti di una folle e irrefrenabile passione che entrambi non riescono a contenere.
A fare da contorno alla loro storia che piano piano diventa sempre solida, sono molti personaggi, gli amici di entrambi, la nonna simpatica di Elettra, la famiglia di Lucas e infine i nemici.
Claustrofobia è un libro che tratta anche di argomenti attuali come il terrorismo, la mafia, la prostituzione o lo scambio di essere umani. Molti agenti speciali sono sempre, ogni giorno, in azione per proteggere i civili da tutto ciò.
Il libro è un bel mattoncino scritto bene, c’è qualche errore, ma so che l’autrice ha provveduto e provvederà a correggerli.
La lettura è scorrevole, andando avanti di pagina in pagina costringe il lettore a leggere e a tenerlo incatenato alla storia per capire cosa accadrà alla fine.
Con Lucas ed Elettra si piange, si ride, si crea suspense. La loro passione è pazzia travolgente, emozionante e tanto coinvolgente che entra sotto pelle e non ti abbandona più.
Questo non è un libro per tutti i palati, bisogna essere consapevoli e pronti a ciò a cui si va incontro, ma comunque è un libro che consiglio e che merita assolutamente di essere letto.

Angela


Nessun commento:

Posta un commento