sabato 7 maggio 2016

RECENSIONE 'Lui vuole me' di Ava Lohan

























TRAMA:

Mancano diciassette giorni per prendere i voti, quando per salvare il convento mi ritrovo costretta ad accettare il compromesso del suo nuovo arrogante proprietario. 
Lui vuole me, una novizia, per due settimane. Il mio corpo in cambio del convento. Questa è la sola possibilità che mi offre per non perdere la mia casa. 
Ma Kegan Anderson non è come la maggior parte dei ragazzi: lui è a capo del Lust, il club privato più esclusivo e lascivo di Long Island. Ed è lì che vuole portarmi. 
Kegan è abituato a vendere il suo corpo e quello dei suoi dipendenti. Non prova niente per nessuno e non va mai a letto più di una volta con la stessa persona a meno che questa non lo paghi. 
In questi quattordici giorni non posso negargli il mio corpo, ma devo riuscire a preservare il mio cuore e a ignorare l’attrazione che sento per lui e ciò che mi fa provare. Perché Kegan è una bestia. E la bestia non ama, distrugge. 





«... Sono io il tuo Dio, adesso, e tu mi devi obbedire. È questo il tuo primo comandamento dal tuo ingresso qui dentro: non avrai altro Dio all’infuori di me.» 

Sgranai gli occhi. Dire una bestemmia simile a una novizia. Era inconcepibile. 

IL ROMANZO CONTIENE SCENE DI SESSO.

RECENSIONE:







 Rose è una novizia che aspetta di prendere definitivamente i voti e diventare suora, ha preso questa decisione quando, anni prima, perse i genitori.
Incontra Kegan anni prima, appena entrata in convento e quell'incontro lo porterà nel cuore, un sentimento proibito che verrà a trovarla due anni dopo, offrendole un contratto: Lui non farà demolire il convento se lei si offrirà per diciassette giorni a lui. 


«Nessun altro bacerà la tua bocca» disse, prima di riprendere a tormentare la mia lingua con la sua. Il suo sapore era delizioso. Sapeva di fresco, era dissetante come l’acqua per qualcuno che la cercava nel deserto. «O ti toccherà.» 

La vita di Kegan è fatta di eccessi: vende il proprio corpo, l'unico interesse che ha sono i soldi, fino a quando non incontra Rose. 
La giovane novizia dovrà vivere in quella casa, piena di persone che si vendono, piena di Kegan, del quale sarà irrimediabilmente attratta. Ma Rose non conosce tutto, Kegan ha scelto lei per un motivo.

Se Rose scoprisse il motivo, riuscirebbe a guardare ancora Kegan?

Kegan sporcherà Rose in molti modi e Rose, che all'inizio non vedeva l'ora di tornare in convento, ora si chiede se Kegan non possa cambiare.

Ma può cambiare chi le ha tolto tutto? 


«Stai mentendo.» Mi alzai di colpo. Il petto faceva male, ci portai una mano sopra. La testa scoppiava, e io continuavo a scuoterla. «Ecco di cosa si tratta.» Era la menzogna più crudele che qualcuno avrebbe mai potuto dirmi. 

Kegan e Rose hanno dato vita ad una storia stupefacente. Kegan è un personaggio che ho amato all'istante, nonostante la voglia di prenderlo a schiaffi, in alcune scene. E' un libro scritto benissimo, coinvolgente e con una trama che si contraddistingue da molti libri dello stesso genere. L'ho divorato in una sera e quando è finito la prima domanda che mi son fatta è stata 'Ci sarà un seguito?'. Spero che anche voi vi lasciate coinvolgere da Rose e Kegan.


 «Fanculo i preliminari» imprecò, tirandosi su di scatto. Il mio petto sbatté contro il suo. «Scopami, Rose» ordinò. «Scopami come se mi odiassi e volessi farmi male, come se volessi uccidermi.» Mi afferrò i capelli e li tenne stretti. «Pensi di potercela fare? Pensi di riuscire a scoparmi così?» Non era esattamente quello che avevo immaginato di sentire. «Come se volessi ucciderti?» Kegan annuì con enfasi e mi prese il volto titubante tra le mani. «Sì, cazzo» ringhiò. «Proprio così.» Feci correre i
polpastrelli sulla sua maglietta, fino a fermarmi sul bottone dei jeans. Lo slacciai, pronta ad assecondare questa strana richiesta. Anche se non ero sicura di poterci riuscire. Non avevo idea di cosa volesse esattamente da me. Le sue mani mi bloccarono prima che tirassi giù la lampo. «Faccio io, ora levati quei cazzo di pantaloncini e vieni a farmi fuori.» Un tono supplicante che arrivò dritto in mezzo alle mie gambe. Mi misi in piedi e Kegan liberò subito la sua erezione. Si infilò un preservativo e fece scivolare i jeans sdruciti lungo le cosce. «Devi ammazzarmi fottendomi, non facendomi aspettare.» Voleva che mi sbrigassi.

VOTO: 5/5.



Sabrina

2 commenti:

  1. Grazie Sabrina. Bellissima recensione. Le immagini sono bellissime e le parti tratte dal libro sono a mio parere le migliori. Ho letto il libro in una giornata. Bellissimo.... e lui .... una Bestia adorabile .... 😍

    RispondiElimina