sabato 7 maggio 2016

RECENSIONE 'Lasciati Sconvolgere' di Rossella C.


























TRAMA:
Costretta dai genitori a frequentare la facoltà di legge, Roxanne, dopo la laurea, decide di seguire ciò che da sempre l’ha appassionata: la pittura. Dipinge nel tempo libero e lavora come commessa. Fugge via dallo stile di vita condotto dalla sua famiglia, da una madre snob che non accetta le sue ‘mediocri’ scelte e va a vivere da sola, con l’unica compagnia del suo affezionatissimo pesciolino rosso. Porta avanti una storia da cinque anni con Derek, che nonostante la lontananza e la mancanza di attenzioni, non ha mai messo in dubbio. Tutto però viene messo in discussione quando, per sostenere le spese, decide di mettere in pratica i suoi studi e di dare ripetizioni pomeridiane. L’unico e solo studente sarà Jay, un ventunenne tatuato con uno stile di vita sregolato, che abita nell’appartamento davanti al suo. Vengono da due realtà diverse, e hanno due storie diverse, ma cosa accadrebbe se il destino decidesse di fare incontrare i loro opposti mondi?
RECENSIONE:
L’ho letto tutto d’un fiato, la scrittrice è stata così brava da tenere i lettori attaccati al libro dalla prima all’ultima pagina.
La protagonista è una ragazza forte, nonostante i problemi del passato e una madre che non fa altro che accentuare i difetti della figlia, evade e va a vivere da sola. Non fa il lavoro per cui ha studiato anni, non fa quello che vorrebbe sua mamma.
Con un fidanzato assente e una famiglia disastrata prova ad andare avanti.
Roxanne incontra Jay per caso, lo etichetta subito male ma poi, si sa, l’amore non guarda in faccia a nessuno.
«Desidera?» domanda con un ghigno sul volto. Alle sue spalle la musica si è abbassata, e alcuni dei suoi amici sghignazzano guardandomi. Un inconfondibile odore di fumo ed erba proviene dall’interno. Non mi lascio intimorire da questa banda di tossici. «Sareste così gentili da abbassare la musica, per piacere?» «Ti diamo fastidio?» chiede divertito mentre sposta di lato i suoi capelli castano chiaro. In quel momento mi accorgo che ha un braccio completamente tatuato. «Sì, un grande fastidio. Sareste così gentili da tenere la musica a un volume più basso? O sei strafatto a tal punto da non riuscire a trovare i tasti per regolarla?» aggiungo con una certa acidità.
E’ un libro pieno d’amore, che , a piccoli passi, ti prende e ti accompagna in un’oretta di dolcezza e amore. Sono riuscita a capire tutto ciò che provava Roxanne, dalle delusione all’ amore che prova. Ho capito Jay, ho capito i sentimenti profondi.
«Quanto mi sei mancata» sussurro. «Anche tu, non sai quanto.» Poi torna a guardarmi. «Innamorarmi di te è stata una pazzia» prosegue mentre ancora piange, «ma lasciarti andare è stato anche peggio>>.
Ve lo consiglio vivamente, amerete Roxanne e Jay come ho fatto io.
Poggio la mia bocca sulla sua e permetto a questo bacio di sugellare la promessa del nostro nuovo inizio . 
VOTO: 4/5.
Sabrina 

Nessun commento:

Posta un commento