sabato 7 maggio 2016

RECENSIONE 'Di carne e di piombo' di Sagara Lux

copertina
TRAMA
Il corpo non mente.
Amanda lo sa bene. Interpretare i gesti e le parole delle persone è il suo mestiere, ma nonostante questo non appena si imbatte in Darren Swan non può fare a meno di sentirsi ingannata.Da se stessa.

La verità non fa male.

Truffatore. Ladro. Assassino. Darren Swan sa bene cos’è, ma nonostante questo nei suoi silenzi e nelle pieghe della sua anima Amanda scorge qualcosa che la spinge a studiarlo, a guardarlo.Ad amarlo.

Tutto ha un prezzo.

Il giorno in cui Darren evade dal carcere in cui è rinchiuso accade qualcosa di impossibile.
Amanda avrà un’unica occasione e un’unica vita per entrargli nella mente e nel cuore; per portare a galla verità nascoste così a lungo da venire dimenticate e per riaprire ferite destinate a cambiare per sempre le loro vite.
RECENSIONE
ATTENZIONE CONTIENE IMMAGINI VIOLENTE ADATTE AD UN PUBBLICO ADULTO.

Il libro dark romance “Di carne e di piombo” di Sagara Lux è stato pubblicato nel settembre 2015 in formato self-publishing.

2 VOLTI - Copia
Tutto comincia quando Darren, un uomo carcerato e pericoloso evaso di prigione si presenta alla porta della dottoressa Amanda Lionell, psicologa del carcere in cui Darren è detenuto per chiedergli aiuto: salvare sua figlia dalle grinfie della moglie e tenerla lontano da uomini pericolosi che potrebbero farle del male.
uWdCybR


Quella tra Amanda e Darren è una passione irrefrenabile senza alcun limite a cui nessuno dei due può rinunciare.
Lui è un predatore con la P maiuscola e lei è la sua preda. Preda che cede alla tentazione della carne e ad ogni suo desiderio.



Amanda è una donna forte, caparbia, ha un dolore che la accompagnerà per tutta la vita ma cerca in tutti i modi di non arrendersi mai. Nella sua caparbietà emerge il suo lato di donna fragile che necessita di amore e che ritiene ritrovarlo in Darren.
2
Darren Swan è un uomo bello, sexy ma anche pericoloso. Ed è proprio di quest’ultima caratteristica che Amanda è attratta. È affascinata dal brivido del pericolo, è testarda e come Darren quando vuole una cosa, la ottiene. Entrambi non riescono a stare lontani, si avvicinano, si allontanano, si riavvicinano ancora; sono come due calamite che prima o poi si attraggono. Nessuno dei due riesce a stare lontano dall’altra. Sono come lo yin e lo yang, due parti uguali in cui l’uno non può esistere senza l’altro.

È un vero romanzo dark che aspettavo da tempo; è una storia diversa dalle altre e che cattura il lettore ed emoziona parola dopo parola. L’ho adorato dalla prima fino all’ultima.
L’autrice ha dato il giusto ruolo ad entrambi i personaggi, ha fatto di Darren un uomo che ha commesso nel passato molti errori e che cerca per amore della figlia di cambiare. Darren è l’uomo che ogni donna vorrebbe: l’uomo che ti trasporta nel piacere più intenso e appagante e che ti protegge da ogni male.
Le mie congratulazioni all’autrice per il duro lavoro di questo romanzo.
Vi aspetto con la recensione del secondo romanzo della serie Broken Souls: Inganno.
VOTO 4.5/5

MINI INTERVISTA ALL’AUTRICE
Come è nata l’idea per questo romanzo?
Ciao a tutte, prima di cominciare ci tenevo a dire che sono veramente molto contenta di essere qui!
“Di carne e di piombo” è nato in maniera molto spontanea. Nella mia mente è comparsa una scena: una donna torna a casa dopo il lavoro e trova un uomo ad attenderla sulla porta. È l’uomo di cui è innamorata e allo stesso tempo l’unico da cui dovrebbe fuggire disperatamente, poiché Darren Swan non è una persona comune. È appena evaso del carcere, è andato da lei per un motivo ben preciso e non la lascerà andare finché non avrà ottenuto quello che vuole.
Spiegaci come hai creato il carattere di Amanda e di Darren e perché.
Darren e Amanda non sono personaggi stabiliti a tavolino. Loro sono così e basta!
Tutta la storia ruota attorno al passato oscuro di Darren Swan. Più scrivevo, più volevo spiegarlo e capire perché quest’uomo era apparso in una certa maniera nella mia testa. Parola dopo parola ho letteralmente scavato nella loro mente e compreso insieme al lettore cosa li ha portati ad assumere determinati atteggiamenti.
Sono personaggi a tutto tondo, completi e imperfetti. La loro forza sta proprio in questo.
Tentano, sbagliano, amano… Vivono, insomma!
Quale è stata la parte del romanzo più difficile da scrivere e perché?
In ogni romanzo si nasconde un demone, soprattutto in quelli dalle tinte dark.
Per me è stato difficile parlare di tanti temi che sono affiorati nel corso della storia, ma non ricordo che ci sia stata una parte più difficile delle altre da scrivere. Ci sono state parti che non volevo scrivere, come ad esempio quelle legate al segreto che Darren nasconde nel suo passato e al rapporto con suo fratello. La droga è per me un tema duro, di cui però mi sono sentita di parlare.
Nella vita hai trovato il tuo Darren?
Questa è una domanda ultra personale e stra-segreta😉
Non parlo mai di me, però posso affermare che in ciascuno dei miei personaggi c’è qualcosa di vero e qualcosa di romanzato e che questo vale anche per Darren…
Che genere definiresti il tuo romanzo e perché?
Domanda difficile. Più veniva letto, più mi accorgevo che le persone facevano fatica a classificarmi in un genere. Odio le etichette e odio le regole. Mi piace definire “Di carne e di piombo” una fusione di più generi: romance, suspense, dark e… perché no? Un pizzico di erotico (chiunque abbia letto la scena della finestra non potrà smentirmi ;))
Qual è il tuo genere preferito?
Sono una lettrice onnivora e volubile. Prediligo storie e personaggi, non generi. Leggo quello che mi emoziona, che mi costringe a non fermarmi e che mi scatena curiosità.
Ho passato da poco il periodo delle letture di genere storico, sto cercando romantic suspense che mi tengano con il fiato sospeso e, ovviamente, con una bella dose di romance!
Quali sono i tuoi autori/autrici preferiti? Hanno influenzato in qualche modo il tuo modo di scrivere?
Ho un paio di libri che serbo nel cuore e che avrei voluto disperatamente scrivere, ma devo ammettere di non avere un autore preferito perché, presto o tardi, ho sempre trovato loro opere che mi hanno deluso.
Amo le atmosfere che Zafon ha saputo creare ne “L’ombra del vento”, il modo in cui è stato scritto “Il Profumo” di Suskind e la sadicità di George Martin nelle cronache del ghiaccio e del fuoco. Potrei dire che mi piacerebbe scrivere a quei livelli, ma non che mi sento influenzata da loro. Credo che ognuno abbia un suo modo di scrivere – giusto o sbagliato che sia – e che sia bello cercare di trovare il proprio senza seguire i passi degli altri.
Cosa stai leggendo in questo periodo?
Per rispondere a questa domanda ho aperto il kindle. E qui sono scattati i problemi.
Leggo tanto digitale, ho un vero e proprio mondo nel lettore e almeno tre letture aperte. Purtroppo ultimamente faccio fatica a leggere perché ho la testa piena di idee… Diciamo che appena mi riprenderò ho ad attendermi una serie piuttosto lunga che mi è stata consigliata, ma che per ora non mi sta prendendo più di tanto…
 Chi sono i tuoi più grandi sostenitori?
Su questa risposta non ho dubbi!
Sono le splendide ragazze del gruppo facebook SECOND CHANCES, che rendono meravigliose le mie serate, con cui posso parlare di tutto, che mi stalkerano all’occorrenza e che condividono la mia stessa passione per la lettura!
Le loro reazioni agli estratti e alle immagini che mostro in anteprima nel gruppo sono veramente incredibili… Mi danno una carica inesauribile a non fermarmi e mi fanno capire che, anche se nel mondo della scrittura si è spesso vittime di brutture, scrivere è ancora una cosa meravigliosa!
A quando il prossimo romanzo? Tratterai un genere diverso o ti focalizzerai ancora su questo?
Sono il tipo di persona che finisce sempre quello che comincia.
Ho scritto “Di carne e di piombo”, autoconclusivo, e successivamente “Inganno”, che fa sempre parte della stessa serie e che però è il primo libro di una duologia dedicata a un personaggio secondario già comparso in “Di carne e di piombo”.
Diciamo che se non concludo la duologia rischio la vita, per cui il prossimo libro sarà senz’altro “Riscatto”, che chiuderà la storia di Genz e Iryna e che verrà pubblicato questa estate.
Per chi volesse pubblicare come te un romanzo, cosa consiglieresti?
Non mi sento nella posizione di dare consigli perché in fondo non ho tutta questa esperienza!
L’unica cosa che credo sia giusto dire è che serve moltissimo impegno e che non bisogna accontentarsi mai. Per avere le cose migliori occorrono tempo e fatica.
Non abbiate fretta, sarete ripagati di tutto!

RAFFAELLA

Nessun commento:

Posta un commento